Dizionario dell'Art Lover

Tutte le parole da sfoggiare durante un vernissage

In questa rubrica troverai tutti quei termini, modi di dire o parole, che potranno esserti utili al prossimo vernissage, visita in galleria o al museo.

Art Flipping

Letteralmente significa “flipper dell’arte,” ovvero l’arte che rimbalza. Con questo termine si indica quella pratica speculativa che consiste nell’acquistare un’opera e rivenderla il più velocemente possibile per massimizzarne il profitto.

Generalmente è opera di collezionisti interessati alla speculazione. Nel mercato dell’arte infatti questa pratica non è ben vista anzi, può seriamente compromettere la carriera di un artista, sopratutto se ancora vivente.

Uno dei più citati esempi di art flipping è la storia del Jean-Michel Basquiat s' Warrior, un dipinto che è stato messo all'asta tre volte tra il 2005 e il 2012, ed in questo periodo, il prezzo è salito di un incredibile 450%.

Suggerita da 
@alb.dantoni

Pop-Up

Tradotto letteralmente significa “che appare all’improvviso”. I pop-up infatti sono quei banner pubblicitari che appaiono sui siti web. Nel mondo dell’arte, pop-up viene preso in prestito per indicare qualcosa di temporaneo, che esiste in un breve periodo di tempo.

Suggerita da 

Artists Run Gallery

Conosciute anche con il nome di collettivi o cooperative, queste sono gallerie gestite esclusivamente da un gruppo di artisti. Questi si impegnano a versare una quota mensile o annuale in cambio di una, due o più esposizioni l’anno.

Suggerita da 

Blue Chip Artists

Artisti di fama internazionale ampiamente riconosciuti e consacrati dal mercato mondiale. Il loro prezzo oggi supera già il milione di euro e ci si aspetta che questa cifra possa solamente aumentare.

Il termine deriva dal poker dove la blue chip è quella con il valore più alto ma il termine blue chip viene preso in prestito dal mercato finanziario dove questo indica le shares più costose e che garantiscono il migliore investimento, stabile e sicuro.

Esempi di blue chip artists sono Pablo Picasso, Mark Rothko, Jeff Koons e Kaws.

Suggerita da 

Galleria Commerciale

Galleria d’arte, gestita da privati, che espone i lavori degli artisti in cambio di una commissione sulla vendita. Di solito lavora in conto vendita: l’artista consegna una o più opere al gallerista il quale le promuove con lo scopo di venderle.

Onstream Gallery è una galleria commerciale.

Suggerita da 

Vanity Gallery

In Italiano vengono anche chiamate, “gallerie vetrina”. Sono quelle gallerie che espongono le opere di artisti a pagamento. La loro fonte di guadagno primaria deriva sopratutto dall’affitto delle loro mura e non dalle commissioni sulla vendita.

Suggerita da 

Galleria No Profit

Galleria che opera senza scopo di lucro, finanziata con donazioni da parte di enti pubblici o privati. Organizza mostre, eventi ed esposizioni durante le quali le opere degli artisti non sono in vendita, ma in alcuni casi possono essere acquistare.

Suggerita da