Matteo Capriotti

I quadri dipinti da Matteo Capriotti hanno un solo, unico obiettivo: quello di immergere l’osservatore nella profondità delle sue emozioni attraverso la tela.

I quadri dipinti da Matteo Capriotti hanno un solo, unico obiettivo: quello di immergere l’osservatore nella profondità delle sue emozioni attraverso la tela.

Matteo Capriotti nasce a Teramo nel 1996 e frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera.

Se chiedi a Matteo il motivo per cui dipinge, lui ti risponde che vuole far immergere lo spettatore nella profondità del colore, inserirlo nei suoi stessi abissi emotivi, nella profondità delle sue paure.

È proprio la paura della profondità, soprattutto quella del mare, ad evocare in Matteo l’esigenza di esprimersi attraverso l’atto creativo. Un atto creativo che non vuole esorcizzare la paura stessa ma al contrario, condividere con lo spettatore uno stato emotivo tanto forte quanto alienante.

Basti pensare che le campiture di colore, di un blu intenso e di altri colori primari, non sono stese solo con il pennello: Matteo Capriotti infatti, dopo aver preparato la tela e steso sopra i colori, aspetta un momento preciso per tornare ulteriormente sulla superficie pittorica.

È il momento in cui asciutto e bagnato si fondono e l’artista decide di utilizzare solo ed esclusivamente le sue mani, per affondarle e impastarle nella profondità della sua opera e quindi della sua emozione.

Le opere

Dallo studio d'artista a casa tua
SCOPRI TUTTE LE OPERE
No items found.